giovedì 28 aprile 2016

FORMAZIONE E CRESCITA PROFESSIONALE

NASCITA, CRESCITA E MATURITA' DI UN'IMPRESA di EUGENIO CARUSO


Eugenio Caruso è passato attraverso svariate esperienze professionali, dalla cattedra universitaria all'alta dirigenza industriale, dalla consulenza aziendale all'imprenditorialità. Ha collaborato per un decennio con un'organizzazione datoriale e con la camera di Commercio di Milano. E' autore di centinaia di pubblicazioni scientifiche e ha al suo attivo diversi brevetti. Ha iniziato l'attività pubblicista con Franco Angeli, poi, con Tecniche Nuove, ha pubblicato una decina di libri tra cui: "L'Impresa in un Mercato che cambia" ; "Gestire e motivare le persone"; "Come preparare e leggere un Bilancio". 

"Nascita, Crescita e Maturità di un'Impresa" (Edizioni Tecniche Nuove)  è un testo che analizza in modo particolare le imprese che nascono come startup innovative, poiché sono queste che stanno rivoluzionando il modo di fare impresa. 
L'argomento è centrato sulle nuove opportunità d'innovazione tecnologiche e l'autore Eugenio Caruso grazie alla sua spiccata professionalità, ci suggerisce come analizzare nei dettagli gli indicatori da tenere sotto controllo per evitare il declino di un'impresa, sottolineando nello specifico il ruolo del leader che può essere definito come "depositario dell'elisir di lunga vita della sua impresa". 

Il ciclo di vita di un'impresa è formata da quattro fasi: nascita, sviluppo, maturità e declino. 
Nel momento in cui NASCE un'impresa si percepisce un alto livello di energia e di eccitazione e vi è un diffuso spirito di collaborazione e di integrazione tra gli individui.
Ci si sente pionieri in un'avventura e questo genera gratificazione e appagamento sul lavoro. Nella FASE DELLO SVILUPPO  l'impresa conosce un momento di forte espansione. Il livello di energia è ancora alto, l'impresa però inizia a conoscere alcuni aspetti negativi. Durante la FASE DELLA MATURITA' si acquisiscono i massimi risultati economico-finanziari. Il prodotto dell'impresa è ormai noto e affermato sul mercato, i clienti sono soddisfatti, l'impresa ha definito in dettaglio vision, mission e strategie di medio-lungo periodo. 
Durante la FASE DEL DECLINO anche gli indicatori economico-finanziari danno l'evidenza del "cattivo stato di salute" dell'azienda. Il livello di slancio di energia è minimo. 

LE STARTUP INNOVATIVE 
Il governo italiano ha previsto una serie di "vantaggi" per sostenere la nascita e la crescita dimensionale di imprese innovative al alto valore tecnologico di nuova o recente costruzione delle STARTUP innovative. 

Gli incentivi di cui può godere una startup innovativa sono: 
1) Abbattimento degli oneri per l'avvio d'impresa
2) La startup potrà assumere personale con contratti a tempo determinato della durata di 6 mesi e massima di 36 mesi. 
3) La startup godrà di un accesso prioritario alle agevolazioni per le assunzioni di personale altamente qualificato.
4) Introduzioni di incentivi fiscali per investimenti in startup provenienti da aziende per l'anno 2016. 
5) Introduzione del crowdfunding o finanziamento collettivo, (è un processo collaborativo di un gruppo di persone che utilizza il proprio denaro in comune per sostenere gli sforzi di persone e organizzazioni).
6) Accesso semplificato, gratuito e diretto per le startup al Fondo Centrale di Garanzia
7) Sostegno ad hoc nel processo di internazionalizzazione delle startup da parte dell'Agenzia  ICE (Agenzia per la promozione all'estero). 

Per concludere, giova notare che chiunque (un imprenditore, un responsabile una persona terza rispetto all'impresa) voglia approfondire con abbondanza di elementi lo stato di salute di un'impresa dovrà necessariamente fare riferimento agli indici di bilancio. Occorre infine ricordare che, oltre all'analisi "nel tempo", sono utili anche l'analisi "nello spazio", ovvero il confronto degli indici tra aziende concorrenti (benchmarking), e l'impiego di dati standard settoriali. Sostanzialmente due sono le ragioni della sopravvivenza di un'impresa: anticipare i cambiamenti del settore di impresa nel quale si opera secondo i principi del benchmarking e delle best practice, e lanciarsi su nuove opportunità di business prima che quelle in atto diventino obsolete o poco competitive. 

Ritengo che ogni individuo che voglia seguire la "missione di imprenditore", debba avere un'idea ben precisa su come l'impresa si sia trasformata dall'epoca della rivoluzione industriale ad oggi. Questo al fine di interiorizzare il concetto secondo il quale, alla base del successo dell'impresa, sta la sua capacità di "trasformarsi, evolvere", possibilmente anticipando le trasformazioni sia della società sia del modello d'impresa.  Anna A. 







lunedì 25 aprile 2016

CRESCITA PERSONALE - SPIRITUALE

L'ESSENZA DELL'AMORE di Yosuke Iida 
IL PROGETTO DIVINO PER REALIZZARE IL PIANETA TERRA DI AMORE


Yosuke Iida è un insegnante della Legge Universale Divina, Medicina Spirituale, Meditazione. E' nato a Tokio e vive a Roma. Pochi mesi dopo la nascita comincia a soffrire di violenti attacchi d'asma. Trascorre la sua infanzia tra le cure domestiche e lunghi periodi di permanenza e ricovero ospedaliero. Dopo tante cure con esiti deludenti, i genitori con i medici decidono di sostituire le cure tradizionali a diversi metodi di cura naturale. Con la pratica regolare di questo metodo migliora sensibilmente il proprio problema di salute e gradualmente riesce a eliminare completamente l'uso di alcuni medicinali. 

"L'Essenza dell'Amore" è un libro che ha lo scopo di armonizzare radicalmente l'umanità attraverso una "rivoluzione" profonda, quella dell'Amore. 

Viviamo sulla terra per "studiare" l' Amore, (l'amore sacro), quello che non viene mai "ascoltato" o spesso ignorato, quell'amore che dona la vera luce interiore, che dona la vera pace, che dona serenità incondizionata.  Quell'amore che "purifica" l'anima e che guarisce ogni tipo di malessere interiore. 

Tutti nasciamo con lo scopo di migliorare l'umanità e la società per il futuro pianeta Terra.  L'umanità siamo tutti noi, siamo tutti fratelli e sorelle, TUTTI nessuno escluso. 

L'amore VERO universale infatti è quello di imparare ad accettare le persone, a rispettarle ed amarle incondizionatamente, a comprenderle, capirle e soprattutto abbracciarle con il Cuore sincero e aperto. 
Quando riesci a far vivere te stesso, accettando e  ringraziando tutti, potrai finalmente gioire di quella purezza interiore trasformata di pace gioia e AMORE. 
DIO ti ama e ama tutti. Ama te stesso come ti ama DIO, e ama il prossimo tuo come te stesso. La tua anima è stata creata da DIO essa è UNICA e originale. Dio attende con speranza che tu possa mettere in mostra  la tua vera capacità di esprimere l'amore. 

Il senso della vita si trova nell'imparare ad esprimere l'amore originale dell'anima in ogni situazione. Per questo motivo, bisogna saper affrontare ogni problema nella vita cercando di far brillare sé stessi con tutta l'anima, bisogna applicare un metodo costante di "allenamento mentale" di amore e rivoluzione interiore verso se stessi e verso gli altri. 
Noi esseri umani siamo nati per amare ed essere amati, il segreto di tutta la nostra esistenza è questo. Accettando questo segreto e imitarlo, evolviamo in modo completo ed infinito, "saliremo" oltre, perché  l'anima che raggiunge questo Amore infinito condurrà a un livello superiore di quel benessere completo, non solo interiore. 

In questa nostra precisa epoca, la situazione umana è giunta al confine tra la distruzione totale e la rinascita dell'evoluzione di Amore. E' ora di smettere di aggrapparsi alla sofferenza, di inventare problemi e ingigantirli quotidianamente, bisogna applicare la regola dell'AMORE in tutte le situazioni, bisogna agire amorevolmente e praticare costantemente questa regola senza farsi condizionare dalle negatività ricorrenti. 

L'AMORE è spalancare il Cuore, perdonare tutto, è saper aspettare... incoraggiarsi in ogni difficoltà della vita;  è saper abbandonare i bisogni personali egoistici e donare incondizionatamente senza limiti. La chiave di tutto, è nella libertà di donare... 

L' Amore, la pace, gioia, e la  libertà sono l'essenza della nostra ANIMA e ci appartengono dalla nascita... ci vengono regalati e come tali devono essere costantemente donati... Questo è vero AMORE, questa è la vera essenza della vita, che non ha prezzo perché è infinita!  Anna A. 






mercoledì 20 aprile 2016

LIBRI PER BAMBINI - FAVOLE

I CONCERTI DI MUSICOLANDIA di Valentina Orlando



Valentina Orlando  studia Lettere Moderne presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, attualmente è insegnante di Lettere nelle scuole medie e superiori e scrittrice.  Nel 2010 termina il suo percorso accademico presentando una tesi sui poeti e la musica. A otto anni inizia il suo primo corso musicale, studia teoria e solfeggio, e impara a suonare il flauto traverso. A 14 anni intraprende lo studio del canto. Dal 2011 inizia ad avvicinarsi alla letteratura per l'infanzia. 


"I Concerti di Musicolandia" (EDIZIONI KIMERIK)  è un libro dedicato ai bambini, che l'autrice Valentina Orlando attraverso le sue parole "fresche e delicate" esprime le sue emozioni sprigionando una dolcissima e colorata melodia che appassiona e coinvolge con amore non solo i bambini, ma anche i più grandi. 

Questo libro è formato da tanta fantasia composta da vari strumenti musicali accompagnati "dalle stagioni della famiglia degli Archi". 
In pratica sono gli strumenti con i vari componenti familiari associati a un unico "concerto"quello della musica del cuore,  ricco di amore e calore familiare. 

In questo CONCERTO  ci sono: Nonna ARPA e nonno ORGANO, zia CLAVICEMBALO e zio CONTRABBASSO, ma anche VIOLINO, VIOLONCELLO, Maestro Bacchetta e le vibranti note ballerine apriranno ai piccoli lettori le porte di MUSICOLANDIA, iniziando con un assaggio delle "QUATTRO STAGIONI" di Antonio Vivaldi. 

In questo modo potete far conoscere ai vostri bambini il bellissimo mondo della musica attraverso questa simpatica panoramica orchestrale composta dalle quattro stagioni che parte dalla Primavera in "Piazza dell'Armonia" con le dolci note de "La Primavera" di Antonio Vivaldi proseguendo per il concerto d'estate e in seguito LA DOLCE EUFORIA DELL'AUTUNNO dell'allegra compagnia degli strumenti sorprendendo non solo i contadini che sono in "opera" in questo contesto, ma tutti gli appassionati di sinfonie e dolci melodie.  
Vi presento l'opera fantasiosa  di questo concerto familiare....tra la magica atmosfera musicale  ascolterete un "ADAGIO" misterioso e melodico sorretto dagli accordi leggiadri di Zia Clavicembalo, confortevole culla di quel momentaneo riposo comunitario. Inoltre "L' ALLEGRO" finale de "L'INVERNO" di Vivaldi che completerà la completa melodia dell'intera STAGIONE della famiglia degli Archi. 

Anche il freddo Vento del Nord  sconfiggerà e sostituirà quel  dolce soffio dello Scirocco....e la musica  trionferà perché l'intero villaggio percepirà che da  lì a poco, la primavera rifiorirà e finalmente quella dolce e soave sinfonia ritornerà. 

E la MUSICA..continuerà..... è una ruota che gira....ci sarà sempre una primavera...un'estate...un autunno...un inverno.... 
In ogni stagione, qualunque essa sia ci sarà sempre una "chiave di violino" che aprirà le porte della propria anima perché come ci insegna Cicerone: " Una vita senza musica è un corpo senz'anima". 

E aggiungo una frase personale del grande maestro Ezio Bosso (recentemente ospite a Sanremo 2016): "La musica è una vera magia, non a caso i direttori hanno la bacchetta come i maghi, essa è come la vita si può fare solo INSIEME...perché la MUSICA che unisce trasmette l'amore e ci rende persone migliori!   Anna A.




lunedì 18 aprile 2016

MANUALI DI PSICOLOGIA

LE ECLISSI DELL'ANIMA di Nicola Ghezzani 


Nicola Ghezzani  è psicoterapeuta e scrittore, ha fondato la "Psicologia Dialettica", metodo di analisi che studia le relazioni fra storia sociale e psicologie soggettive. E' autore prolifico. Fra i suoi libri: "Volersi male"(2002), "La Logica dell'Ansia" 2008,  La Paura di amare, (2012), "Perché amiamo (2013), "Ricordati di rinascere" (2014), L'amore impossibile"(2015).   


"LE ECLISSI DELL'ANIMA" (Edizioni Franco Angeli)  è un libro dove Nicola Ghezzani racconta le biografie di alcuni personaggi famosi: Bergman, Jung, Heidegger, Hesse,  ed altri ancora Garland, Hemingway e Nietzsche  che nonostante il successo e la popolarità non sono riuscito a superare  le profonde crisi esistenziali. L'analisi biografica di questi personaggi, dimostra che ciascuno di noi ha un suo "genio personale" dalla cui realizzazione dipende il senso della vita. 

Il libro che qui presenta Nicola Ghezzani  è il risultato di questa riflessione: 

"Negli ultimi anni mi sono chiesto con la massima serietà come e perché uomini e donne di grande intelligenza e non di rado di straordinario successo abbiano vissuto gravi crisi psicologiche ed esistenziali. E, poiché si tratta in ogni caso di persone straordinarie, mi sono chiesto altresì se il modo come hanno gestito queste crisi (nel bene e nel male) possa insegnarci qualcosa". 

Non tutti lo avvertono, ma chi lo ha provato anche una sola volta non può ignorarne mai più l'esistenza. E' l'impulso alla realizzazione di sé, che non va confuso con la ricerca del successo o della popolarità sociale. Nella ricerca del successo domina la dipendenza dall'opinione altrui; nell'impulso all'autorealizzazione il mondo esterno è solo lo strumento per compiere uno scavo in profondità dentro se stessi, tanto che non di rado occorre affrontare la solitudine interiore per raggiungere la consapevolezza necessaria. 

L' IO AUTENTICO, OVVERO IL DIAMON 
Nella teoria della "PSICOLOGIA DIALETTICA", il concetto di IO autentico occupa un posto centrale: un IO labile e sfuggente contrapposto all' IO primario, l' IO della vita quotidiana, in cui ci riconosciamo con semplice ed ingenua immediatezza. 
In una psiche sofferente c'è da un lato l' IO di ogni giorno, l' IO modellato dalle esigenze del contesto sociale e dai desideri altrui (quindi modellato dal Super- IO), dall'altro lato c'è il rimosso, un mondo intero di sogni, ricordi, desideri, organizzato in una volontà, quindi un IO che continua a premere per farsi "ascoltare". 

Questo libro, infatti parla di questo impulso, e mostra come alcuni ne siano stati distrutti: Judy Garland, morta a 48 anni di droga e alcool, Hemingway suicida a 64 anni, Nietzsche impazzito e rinchiuso in manicomio a 45 anni. Ma dimostra anche come tanti altri l'abbiamo realizzato, raggiungendo una ragionevole serenità: Ingmar Bergman, Michael Fordham, Hermann Hesse, Martin Heidegger, lo stesso Jung e tanti altri. 
La crisi allora, nonché scoglio su cui naufragare, può rivelarsi come l'occasione giusta per intravedere il proprio Sé, per sapere chi siamo e "aggiustare" il tiro per colpire il nostro bersaglio.   Anna A. 



.








venerdì 15 aprile 2016

PERCORSI DI CONSAPEVOLEZZA

LA CORONA SMARRITA di ELENA GUIDI 



Elena Guidi è laureata in Lingue e Letterature Straniere, insegnante presso la Scuola Superiore di San Marino. Nel 2007 è venuta a contatto con l'Alchimia Trasformativa, a seguito dell'incontro con lo scrittore e conferenziere torinese Salvatore Brizzi ed ha approfondito gli insegnamenti alchemici nel proprio quotidiano. 

"La Corona Smarrita"  ( Edizioni Alvorada) è un libro "semplice", non semplicistico, un libro divulgativo e non populistico, non è un libro per la mente ma per il Cuore, non intende con-vincere, cioè, come da etimo, sopraffare con gli argomenti, ma semmai persuadere, indurre con dolcezza. E' un libro a tratti poetico che vuole stimolare l'inconscio tramite immagini e suggestioni che vadano a pizzicare le "corde dell'interiorità", innescando od imprimendo nuova forza al processo di ricerca assolutamente personale del singolo.  


Prefazione di Anna Chiara Macina 

"E' un libro scritto con "il cuore"e che arriva al cuore,  non promette facili mete ma vuole stimolare al risveglio interiore verso un percorso di crescita personale basato in primis sulla consapevolezza, quella della propria "regalità" perduta e del cammino individuale per riconquistarla. La regalità è da intendersi come consapevolezza di sé e quindi pieno potere su di noi e sulla realtà che ci circonda. 
Questa nuova via e approccio alla vita non è astratta filosofia "new age", ma il risultato di un percorso che può essere fatto anche in modo molto pratico, con esercizi che risvegliano la coscienza. 
Questo libro segue un suo percorso logico e coerente, è suddiviso i quattro atti, legati all'immagine della *Corona*. 

LA CORONA 
La Corona rappresenta la nostra regalità, il nostro potere, la nostra piena sovranità su noi stessi e sulla realtà che ci circonda. L'unico potere che abbiamo è quello di agire su noi stessi ma, paradossalmente, man mano che acquisiamo potere su di noi lo acquisiamo anche nel mondo che ci circonda, poiché questo è esterno solo in apparenza. Un cittadino che volesse aumentare il livello di sicurezza nel proprio Paese, mentre si attiva nel sociale dovrebbe lavorare sul suo senso di sicurezza interiore.  Un popolo che volesse ristabilire la sovranità della propria nazione, non potrebbe prescindere dal recuperare il Potere Personale della maggior parte dei suoi componenti (che spesso nel corso della storia hanno abdicato rendendosi sudditi del Re di Denari) in quanto non può in nessun modo essere sovrano uno Stato composto da sudditi.

Solo quando i cittadini abbandonano la "sudditanza psicologica" e la paura del Cuore e tornano ad essere sovrani, (ciascuno un sovrano dentro di sé), consapevole del proprio potere e della propria responsabilità, allora quel Paese può ristabilire a pieno titolo la sua sovranità. 
Non per niente Mahatma Gandhi con il suo famoso "Be the change you want to see in the world" ha lasciato scolpito nella storia dell'Umanità l'invito di incarnare in prima persona quel cambiamento che si desidera veder realizzato nel mondo. 

Lo scopo di questa vita, è quello di conquistare l'immortalità attraverso il "ritrovamento" della propria Corona e l'identificazione della propria anima.
Il Risveglio deve essere sempre a portata di mano...qui adesso...ora nel presente!

Se riuscissimo a liberarci dall'illusione della mente, che ci crea un prima e un dopo (passato e futuro), ci renderemmo conto che l'eternità non è qualcosa che ci sovrasta e ci "inghiotte", ma è qualcosa che ci costituisce. Non si tratta di cercarla o di capirla, ma solo di riconoscerla e viverla. Perché noi SIAMO unicamente nell'eterno ADESSO. 

L'obiettivo di questo libro è quello di dare un contributo ad ogni lettore di risvegliarsi, cioè di prendere coscienza della propria vita,  di risvegliare la propria anima che attualmente si trova in una condizione di "addormentamento" e di schiavitù condizionata.  Anna A.

"Nessuno è più schiavo di colui che si considera libero senza esserlo" J. W. Goethe





martedì 12 aprile 2016

MEDICINE ALTERNATIVE - PET THERAPY

IL POTERE TERAPEUTICO DEGLI ANIMALI di ALBERTO DAL NEGRO 


Alberto Dal Negro è laureato in Economia e Commercio, per oltre quindici anni si impegna nella progettazione e realizzazione di percorsi formativi per persone con problemi di inclusione sociale. Con una curiosità viscerale nel campo della ricerca spirituale e profondamente convinto della necessità di fare rete tra le persone e le organizzazioni e nel 2003 decide di fondare una cooperativa sociale "GliamicidiSari" che ha lo scopo di progettare e realizzare gli Interventi Assistiti con gli Animali. (IAA) 

"Il Potere Terapeutico degli Animali" (Macro Edizioni)  è un volume esperienziale e non didattico che ci dimostra  come la "Pet Therapy" può migliorare la salute di ogni essere umano in modo concreto e costruttivo.

Ma cosa si intende per   PET  THERAPY?
Il termine "Pet Therapy" è stato coniato nel 1953 da Boris Levinson (neuropsichiatra americano definito il "padre della Pet Therapy) e designa oggi una serie complessa di interventi volti a migliorare la salute psicofisica dell'uomo e basati sull'utilizzo del rapporto uomo-animale. I benefici riscontrati con questa terapia sono molteplici sia dal punto di vista cognitivo,emotivo, comportamentale, psicosociale e psicopatologico.

Il principio generale della Pet Therapy si basa sull'utilizzo del rapporto speciale che certe persone instaurano con gli animali per favorire il processo terapeutico sia psicologico, fisico e sociale. La proposta terapeutica con gli animali è spesso molto più potente di un qualunque approccio psicologico perché sfrutta con dolcezza il ricordo inconscio della nostra parte più atavica e naturale. 

Molti ignorano che questa sia una vera terapia di miglioramento psico-fisico globale della persona poiché non conoscono esattamente l'affinità emotiva-affettiva  tra l'uomo e gli animali ed ignorano completamente che anche solo il fatto di accarezzare un animale comporta una riduzione dello stress e dona benefici al corpo umano, abbassando la pressione sanguigna e anche il ritmo cardiaco. 
Molteplici ricerche, infatti, hanno dimostrato che la presenza di un animale domestico può migliorare lo stato psico-emozionale non solo del proprietario ma di tutto il contesto familiare. 

Quando però parliamo di "Pet Therapy" ci riferiamo ad una relazione uomo-animale in prospettiva terapeutica che si svolge in un contesto clinico specifico con operatori specializzati e quindi viene considerata una "medicina alternativa" che comunque deve essere una forma complementare alle cure dell'essere umano e da chiarire bene però che non sostituisce completamente la medicina tradizionale ma va integrata a questa terapia. 
Attualmente i luoghi dove trova applicazione questa nuova terapia sono gli ospedali, ricoveri per anziani, carceri, fattorie sociali,  scuole e comunità minorili.  

Ecco una testimonianza....dal libro: 

BRUNO - COMPETERE PER AMARE 
Bruno è un ottantenne che frequenta un centro diurno per persone con Alzheimer. E' un signore ancora prestante, ma anche terribilmente arrogante; scontroso in famiglia e fuori, spesso così insopportabile da fare in modo che un po' tutti evitino il contatto con lui. E' un uomo che non ama  gli animali, anzi sembra che li detesta. 
Bruno è un signore distinto, nato in una famiglia molto agiata, abituato ad essere servito e riverito. Come ieri, anche oggi tende a "tenere le distanze" dagli altri, con una costante aria di superiorità e si permette "notevoli licenze" nei confronti del mondo femminile, che tratta davvero con poco rispetto. Dopo i primi approcci non proprio felici con Bruno, la svolta si ha al terzo incontro, inizia a lanciare la pallina a Sari  e ad avere un timido contatto con l'animale, inizia così a giocare con sfida con l'animale. Vediamo il viso di Bruno diverso, il suo umore cambia all'istante: improvvisamente non è distante da tutti, ma in mezzo a noi e si diverte con noi. 
Alla fine del ciclo di visite degli animali in questo Centro, il personale mi riferisce che il carattere di Bruno è nettamente migliorato, non solo, ma anche i familiari, stupefatti, riscontrano che Bruno ha subìto una trasformazione positiva. 

Lo scopo di questo libro, non è quello di dare spiegazioni riguardo al lavoro da svolgere e le programmazioni teoriche da dettare, ma è un messaggio di cambiamento sociale verso il miglioramento e benessere psicofisico delle persone.  
La salute è un bene prezioso per la persona e la collettività, bisogna  promuovere, conservare e tutelare, dedicando mezzi, risorse ed energia necessarie affinché più persone possano usufruirne.  Anna A.

"Questo libro risuona con i principi universali e senza tempo di gioia, saggezza e compassione attiva" Angelo Vaira 


sabato 9 aprile 2016

DIARI E MEMORIE

DIARIO DI UN AMORE  INFINITO di SILVIA NOBILI


Silvia Nobili è una giovane autrice molto determinata. Il suo sogno più grande è sempre stato quello di rendere felici le persone. Nutre una forte passione per la scrittura, da sempre desiderava scrivere un libro e l'esperienza che qui racconta è frutto di una profonda ispirazione. 

"DIARIO DI UN AMORE INFINITO" (Edizioni Kimerik)  è un diario "genuino"che esprime la semplicità e  la purezza d'animo nella fase adolescenziale: i primi tremori...le prime "farfalle nello stomaco"...
Questo diario è composto da 41 capitoli che partono dal giorno 1 gennaio 2014 fino al 12 febbraio 2015. Un anno importante che Silvia dedica in queste pagine a noi lettori, le sue prime emozioni, la sua "genuinità", semplicità e trasparenza,  un amore vissuto con gli occhi dell'ingenuità di un bambino: il nascere di un primo amore, di quelli che sconvolgono l'esistenza e ti fanno vedere il mondo con occhi diversi. 

La parola adolescenza deriva da "adolescere" che significa crescere, e va a segnalare una fase intermedia tra l'infanzia e la condizione adulta, divisibile in tre fasi: pubertà, ( 10-14 anni), media adolescenza (14-17) e piena adolescenza o giovinezza (17- fino a volte a 25 anni). 

L'adolescenza è una fase della vita in cui si rincorre l'amore con maggiore trasporto, ed è in questa fase che si iniziano a scoprire le prime emozioni e i primi amori che vengono vissuti con molta intensità e passione. Sono "amori innocenti, puri ed ingenui ricchi di entusiasmo ed emozioni in una fase di trasformazione della crescita interiore.  In questa fase si inizia a conoscere la sofferenza, le delusioni, dei primi amori, e si alternano momenti di grande e di bassa autostima, poiché la transizione è spesso un passaggio di sogni e aspettative fantasiose che spesso si idealizzano sogni e aspettative non sempre concretizzati. 
Le ragazze adolescenti spesso vivono l'amore come un sogno, immaginano che sarebbe meraviglioso amare follemente un ragazzo e l'innamoramento per loro fa parte di grandi emozioni che diventa spesso causa di dolori e di frequenti delusioni. 


Ecco una breve descrizione delle sue emozioni....
28 agosto del 2014 
Caro diario.....per fortuna c'è lui...Lo sento davvero vicino...e non puoi capire quanto tutto ciò mi renda felice. Vorrei soltanto mettere da parte tutte le mie insicurezze e abbracciarlo forte, forte, vorrei restarci per sempre, in quelle *bellissime* braccia.
Vorrei guardare i suoi *meravigliosi*  occhi e vorrei che le sue labbra mi appartenessero veramente, per una volta. Ma non lo so, non so niente.... 
Sai, io amo ogni singola molecola che ti compone.... 

Questo è il punto della storia....una storia che scoprirete il finale solo se leggerete il libro...lascio un pizzico di curiosità e un finale in sospeso..
"Le persone sono pagine di libri che spinte dal vento se ne vanno lontano......"

Stavolta sono io che volevo farti sapere che ti aspetterò, anche per sempre. Quindi sappi che, se non prendi in mano il cellulare in questo momento, io ti aspetto. 
Ricordalo, fosse anche l'attesa più straziante , io ti aspetto.  Silvia Nobili

A chi, nonostante gli innumerevoli giorni trascorsi col cuore spezzato, trova sempre la forza di amare la vita per quello che è.....  Anna A. 





mercoledì 6 aprile 2016

SAGGI RELIGIOSI


COME FRANCESCO di Silvia Bernola

Il Santo di Assisi come alternativa al "postmoderno" narciso-consumista


SILVIA BERNOLA   ha studiato presso la Pontificia Università Lateranense, specializzandosi in Didattica e Pedagogia. Attualmente insegna Religione Cattolica. L'interesse per l'Antropologia filosofica e la Spiritualità francescana l'ha portata al desiderio di scrivere un saggio sulla valenza umana, psicologica e spirituale dell'esperienza di San Francesco che oggi, nell'anno della Misericordia, fa vibrare le anime più che mai. 

"COME FRANCESCO" (KIMERIK EDIZIONI) è un libro-saggio dove l'autrice Silvia ha scelto di ripercorrere il cammino di Francesco con uno sguardo antropologico alla ricerca della vera umanità e di un'alternativa al "postmoderno" narciso-consumista che oggi è molto pertinente per vari motivi. La figura di San Francesco è da sempre (soprattutto negli ultimi anni grazie anche al nostro attuale Papa Francesco), un punto di riferimento universale e valido poiché siamo alla ricerca di modelli di riferimento concreti specialmente in  questo periodo di incertezze e di indeterminazioni. La vicenda di San Francesco, "mistico globale", con un'apertura  a tutti i livelli (Dio, uomo e natura) esprime ricchezza dell'Antropologia cristiana e le sue potenzialità: solo ripercorrendola possiamo trovare oggi una strada efficacemente alternativa.
Papa Francesco scrive:  "Credo che Francesco sia l'esempio per eccellenza della cura per ciò che è debole e di un'ecologia integrale, vissuta con gioia e autenticità."
La sua testimonianza ci mostra anche che l'ecologia integrale richiede apertura verso categorie che trascendono il linguaggio delle scienze esatte o della biologia e ci collegano con l'essenza dell'umano.  (G. Cicchese OMI) 

In una società consumistica la ricerca della felicità (lo scopo maggiormente evocato e utilizzato come esca nelle campagne di marketing) tende a spostare l'attenzione dal fare le cose, o appropriarsene, o accumularle, al disfarsene: ed è proprio questo ciò che occorre fare per far crescere il prodotto interno lordo. Il semplice impulso ad acquisire e possedere porterebbe con sé problemi futuri se non fosse sostenuto dall'impulso a scartare e a disfarsi degli oggetti. Nell'economia consumistica i prodotti prima arrivano e poi vanno in cerca di applicazioni. Molti, forse la maggior parte, di essi finiscono rapidamente tra i rifiuti, non essendo riusciti a trovare clienti, o addirittura ancor prima di cercarli. Bauman prosegue: "La "sindrome" consumistica è fatta tutta di velocità, eccesso e scarto. 

IL MESSAGGIO DI FRANCESCO
La vera eredità che Francesco lascia agli uomini di ieri e di oggi non è in definitiva che lui stesso: l'esempio vissuto di un uomo che riscopre se stesso lasciando ricchezze materiali, incarnando il ruolo di "icona", di un uomo interiormente libero, responsabile, lieto e grato. Dopo la conversione, infatti, egli imparò a vedere il mondo con occhi rinnovati e a relazionarsi con se stesso e con la realtà a lui circostante in modo accogliente e aperto. Bernanos  infatti sentenzia che "ogni vita umana è sotto il segno del desiderio e della paura, a meno che non sia sotto il segno dell'amore". Francesco dimostra che ciò può essere vero e possibile. 
Il messaggio di Francesco può così lasciare in eredità: l'idea dell'umiltà come "terapia" (medicina) per uscire dalla falsa sicurezza dell'egocentrismo narcisistico. 
I narcisisti amano la propria immagine e non il proprio sé reale, ciò che fanno è piuttosto diretto a incrementare l'immagine, spesso a scapito del sé. 
L'uomo, immagine di Dio, non è narcisista e nemmeno egoista, è fatto per la carità, per il dono di sé. Diventa ben chiaro a questo punto, come l'umiltà si pone quale "conditio sine qua non"  della possibilità stessa di vivere nel dono generoso di se stessi. 
Tutto questo processo esige una "lotta", una fortezza d'animo che sappia spezzare le resistenze dell'egoismo poiché il senso della vita interiore e della disciplina cui la fede richiama è orientato alla ricerca dell'unificazione, armonizzazione dell'io personale-corporeo con gli altri, la natura e il mistero di Dio. 

Auguriamo a ogni lettore che possa modellare la propria anima "Come Francesco" e che possa imitare ed irradiare il vero amore puro ed autentico come quotidianamente ci insegna il nostro amatissimo Papa Francesco.    Anna A. 












lunedì 4 aprile 2016

PATOLOGIE E MALATTIE


ANTICANCRO di David Servan-Schreiber

PREVENIRE E COMBATTERE I TUMORI CON LE NOSTRE DIFESE NATURALI 


David Servan-Schreiber ( 1961 - 2011) brillante neuroscienziato psichiatra e ricercatore di fama internazionale. E' stato condirettore del laboratorio clinico di Neuroscienze Cognitive presso l'Università di Pittsburgh. Ha raggiunto la notorietà per aver proposto un metodo di cura basato su tecniche terapeutiche di medicina alternativa. 
Ha combattuto il cancro al cervello che l'aveva colpito a soli trent'anni, decidendo poi di raccontare in questo libro la sua diretta esperienza. 

"ANTICANCRO" è un libro che illustra alcuni metodi naturali di cura che contribuiscono a prevenire lo sviluppo dei tumori o a facilitarne il trattamento con approcci convenzionali come la chirurgia e la  radioterapia. 
Dalla pubblicazione della prima edizione di "Anticancro", numerosi studi hanno ribadito il messaggio di fondo sull'importanza della disposizione interiore, o "terreno", nella prevenzione e il controllo del cancro. 

"Io ho avuto un cancro diagnosticato una prima volta diciassette anni fa e trattato con metodi classici. Poi ho avuto una recidiva, ed è stato allora che ho deciso di spingermi oltre le terapie convenzionali per studiare tutto ciò che potesse aiutare il mio corpo a difendersi. Come medico, ricercatore e direttore del centro di Medicina integrata all'Università di Pittsburgh, ho avuto la fortuna di poter accedere a informazioni preziose sui metodi naturali che si sono rivelati utili per prevenire o curare il cancro. Da sette anni, ormai, mi considero guarito, e con questo libro intendo raccontare tutto ciò che ho imparato nella mia vicenda dal punto di vista umano e da quello professionale." D. Servan-Schreiber  

Ecco che cosa ho imparato in questo percorso: Se tutti ospitiamo dentro di noi delle cellule cancerose silenti, è altrettanto vero che il nostro corpo ha le armi per neutralizzare il processo di formazione dei tumori. Sta a noi servircene, e lo dimostra il fatto che culture diverse dalla nostra ci riescono molto di più brillantemente. Per esempio, i tumori più diffusi in Occidente, come quelli al seno, al colon o alla prostata, in Asia sono da sette a settanta volte meno frequenti. 

La prima parte del testo presenta un nuovo punto di vista sui meccanismi del cancro. Il fulcro è costituito da tre elementi: il ruolo essenziale, ma ancora poco conosciuto, del sistema immunitario, la scoperta dei meccanismi infiammatori che stanno dietro la crescita tumorale e la possibilità di bloccare lo sviluppo della neoplasia impedendone la vascolarizzazione. 

DIVENTARE  UN "PAZIENTE": SALVARSI LA VITA FINO IN FONDO...

Tutti abbiamo bisogno di sentirci utili agli altri perché così alimentiamo la nostra anima, se questa necessità non viene soddisfatta proviamo un dolore tanto più straziante quanto più la morte si avvicina. 
Quando si combatte contro un cancro, l'organismo è impegnato in una guerra totale, le cellule tumorali si comportano né più né meno come bande armate che non guardano in faccia nessuno, libere come sono ai vincoli sociali che caratterizzano il fisico sano. Ci sono però alcune circostanze in cui quelle "orde barbariche" perdono il loro slancio: 1) quando il sistema immunitario si mobilita per sconfiggerle; 2) quando il corpo umano rifiuta di produrre l'infiammazione senza la quale non possono crescere né invadere nuovi territori; 3) quando i vasi sanguigni si rifiutano di moltiplicarsi e di garantire l'approvvigionamento indispensabile allo sviluppo di una massa. 

LA MENTE ANTICANCRO:  Il legame tra corpo e spirito.

Dopo tante riflessioni, letture e conversazioni con specialisti, sono giunto ad alcune conclusioni che vorrei ora esporvi, perché penso possano servire a evitare la malattia, o ad affrontarla con più frecce al proprio arco. Anzitutto, in genere occorrono dai dieci ai quarant'anni perché l'anomalia in una cellula (il seme) diventi un tumore maligno diagnosticabile. 
Ecco l'elenco delle piccole e grandi cose che cambiano la vita: 
PROTEGGERSI evitare i prodotti  chimici industriali (es: evitare pesticidi e insetticidi, non utilizzare detergenti chimici, evitare cosmetici contenenti parabeni e ftalati; non usare prodotti di bellezza contenenti estrogeni o ormoni placentari.
MANGIARE E BERE consumare alimenti naturali, possibilmente frutta e verdura freschi e di stagione, bere molta acqua ed evitare bibite gassate e zuccherate. 
RIEQUILIBRARE LA PROPRIA ALIMENTAZIONE riducendo zuccheri, farine bianche 
PRENDERSI CURA DEL CORPO fare da 20 a 30 minuti al giorno di attività fisica quotidiana. Prendere il sole 20 minuti al giorno quando possibile per produrre vitamina D. 
MEDITARE praticare tecniche di concentrazione e di rilassamento: yoga, coerenza cardiaca, meditazione consapevole, TAI Chi ecc. 
LIBERARSI DAI SENTIMENTI NEGATIVI risolvere i traumi del passato, accogliere le proprie emozioni, possibilmente trovare qualcuno con cui condividere le proprie emozioni e le proprie paure ed ansie. 

La medicina moderna diventerà una medicina davvero scientifica solo quando medici e pazienti avranno imparato a mettere a frutto le forze dell'organismo e della mente che agiscono grazie al potere di guarigione della Natura. 
Tutti possiamo ricavare il massimo vantaggio da questa rivoluzione nella conoscenza del cancro, ma ciò presuppone innanzitutto una "rivoluzione nella nostra coscienza". In primo luogo, dobbiamo riconoscere il valore e la bellezza della vita  che è in noi, prestarle attenzioni e cure come faremmo con un bambino affidato a noi, ma soprattutto bisogna irradiare l'amore e la passione per la vita in qualsiasi contesto quotidiano,  non solo familiare, ma anche quello sociale. Bisogna  contribuire anche con piccole azioni trasmesse con amore, solo così si potrà percepire la vera gioia e riequilibrare e migliorare qualsiasi ferita e situazione.   Anna A. 













venerdì 1 aprile 2016

GUIDE PER GENITORI ED EDUCATORI

L' ASILO NEL BOSCO  DI EMILIO MANES 
UN NUOVO PARADIGMA EDUCATIVO 


EMILIO MANES è uno pseudonimo formato da "Emilio", nome dell'asilo gestito da Paolo Mai e Giordana Ronci da cui è nato il progetto Asilo nel Bosco di Ostia (Roma), e "Manes", nome dell'associazione di Danilo Casertano, celebre maestro di strada. 

Paolo Mai attivista Greenpeace dal 2005 al 2009, collaboratore della rete mondiale di educazione alternativa Reevo.org; educatore e maestro da 18 anni, si occupa da qualche anno dei laboratori di educazione emozionale per adulti e bambini. 

Giordana Ronci ha 15 anni di esperienza con i bambini di asilo nido e scuola dell'infanzia. Responsabile del progetto "Al Nido senza pannolino" dal 2012 si occupa di percorsi in-formativi sul tema per le famiglie che vogliono aderire al progetto. Dal 2013 si occupa di formazione e gestisce l'asilo nido e scuola dell'infanzia L'Emilio, al cui interno viene applicato un modello educativo ad "alto contatto" ed è attiva la sperimentazione della pedagogia del bosco con un gruppo di bambini da due a cinque anni. 

Insieme a Paolo Mei e Giordana Ronci, ci sono anche altri autori: Sabina Bello e Danilo Casertano e Manuela Latini, Sacha Miani  

Sabina Bello, formatasi sul fronte artistico nel Accademia di Belle Arti in Fumetto e Illustrazione, è cresciuta in un casale fra i boschi dell' Umbria. E' scrittrice per passione.  Danilo Casertano è specializzato in pedagogia Waldorf-Steiner e lavora come maestro in asilo. Nel 2013 gli viene assegnato il premio Pasolini e all'inizio del 2014 i progetto "Maestri di Strada" trova la sua realizzazione nel territorio dell'idroscalo di Ostia. Nel 2015 si rimette in viaggio e parte alla volta della Cina contribuendo alla realizzazione di un network internazionale sull' Outdoor Education. 
Manuela Latini laureata in Storia del cinema italiano. Sacha Miani nel 2011 ha lavorato come volontario in un orfanotrofio in Guatemala, poi torna in Italia e lavora al pronto intervento minori della Caritas, e da qualche mese è entrato a far parte della squadra dei maestri del bosco. 

"L'Asilo nel Bosco" (Edizioni Tlon) è l'approccio pedagogico che meglio ci permette di rispondere ai bisogni dei bambini e genitori del nostro territorio e del nostro tempo. Questo progetto assume un ruolo fondamentale quello di "umanizzare" e rendere felice il nostro bel Paese. La scuola infatti, deve avere il compito non solo di occuparsi dei bambini, ma anche di prendersi cura dei genitori, sempre più impassibili e impotenti nella frenetica corsa che contraddistingue la loro quotidianità. 
I nostri bambini vengono spinti all'omologazione e non all'espressione del proprio talento, trascorrono la loro vita rinchiusi in quattro mura perdendosi gran parte della ricchezza e della bellezza della vita nelle sue diverse forme, stanno perdendo alcune attitudini come la curiosità, la fantasia, l'autonomia e la creatività, vivono in un contesto iperprotetto in cui ci si cura del corpo e non dell'anima, e soprattutto non ricevono la nostra fiducia. L'asilo nel bosco è innanzitutto il sogno reale di dar vita a un'esperienza di bellezza delicata, dedicata nella sua anima a tutti i bambini, poichè il bisogno di un'educazione con la natura è ogni giorno di più il bisogno dell'intero pianeta. 
Il lavoro che viene fatto all'Asilo nel Bosco non si preoccupa di preparare i bambini a essere bravi studenti, questa sarà solo una delle numerose conseguenze. Il primo obiettivo è quello di rendere i bambini degli esseri umani felici, delle persone che vivono col cuore, rispettando la vita in tutte le sue forme. 

"Il nostro asilo nel bosco è finalizzato allo sviluppo della persona nel suo insieme, alla valorizzazione delle sue risorse fisiche, mentali e caratteriali. Nel bosco infatti i bambini imparano le cose fondamentali: partono dalla base della vera educazione. Imparano a muoversi, ad ascoltare,( e a vedere, a toccare e sentire), affrontare gli imprevisti, ad aiutarsi. Imparano la complessità delle relazioni che legano tutti gli esseri viventi sul pianeta, imparano la dimensione del passare e ritornare del tempo, e del cambiamento che condiziona tutta la nostra esistenza". 

L'Asilo nel Bosco è un luogo educativo sano e costruttivo, è un luogo dove il bambino impara ad amare facilmente se stesso e gli altri e quindi a rispettare  tutto ciò che lo circonda. Lo scopo di questo nuovo paradigma educativo è proprio quello di stimolare la diffusione di un modello educativo sano e concreto per lo sviluppo del benessere del bambino e di riflesso quindi anche della nostra società. 
I bambini percepiscono chiaramente le intenzioni e le emozioni di chi li circonda: il linguaggio verbale non basta per educare il bambino, bisogna agire con esempi e metodi costruttivi bisogna dedicare tempo, amore e comprensione per la crescita dei bambini. 
Essere esempi positivi è il modo migliore per donare loro ciò di cui hanno bisogno e fare in modo che questo buon esempio si tramandi, perché come sappiamo...

I BAMBINI IMPARANO QUELLO CHE VIVONO....
Se i bambini vivono con le critiche, imparano a condannare.
Se i bambini vivono con  l'ostilità, imparano a combattere.
Se i bambini vivono con la paura, imparano a essere apprensivi.
Se i bambini vivono con la pietà, imparano a commiserarsi.
Se i bambini vivono con il ridicolo, imparano a essere timidi.
Se i bambini vivono con la gelosia, imparano a provare invidia.
Se i bambini vivono con la vergogna, imparano a sentirsi colpevoli.
Se i bambini vivono con l'incoraggiamento, imparano a essere sicuri di sé. 
Se i bambini vivono con la tolleranza, imparano ad essere pazienti. 
Se i bambini vivono con la lode, imparano ad apprezzare. 

Meditate gente...meditate!!! Anna A.